Sconvolgente! Castello delle Cerimonie confiscato: Ecco cosa succede ai matrimoni prenotati a La Sonrisa!

Per gli ammiratori del Padrone delle Cerimonie, si tratta della fine di un’epoca. Tuttavia, per alcuni, la confisca de La Sonrisa per abuso edilizio potrebbe avere ripercussioni più gravi: ci riferiamo a tutti coloro che hanno organizzato un matrimonio (o un altro evento privato) nei prossimi mesi presso il Castello delle Cerimonie e che ora si domandano cosa succederà ai loro piani (e ai loro fondi).

Che cosa è accaduto al Castello delle Cerimonie?

Il 15 febbraio 2024, la Corte di Cassazione ha ratificato la confisca de La Sonrisa, l’hotel-ristorante di lusso a Sant’Antonio Abate (provincia di Napoli), noto come Castello del Padrone delle Cerimonie. Qui, per anni, sono stati celebrati matrimoni, battesimi, comunioni e altre feste trasmesse nel reality show Il Padrone delle Cerimonie, in onda su Real Time. Ma non solo: la location campana ha ospitato anche Napoli prima e dopo, festival di musica napoletana trasmesso su Rai1.

La struttura è stata condannata per abuso edilizio: già nel 2011, gli investigatori hanno rilevato abusi edilizi iniziati alla fine degli anni ’70 che coinvolgono i terreni su cui sorge il Castello, per un’area di 40.000 metri quadrati.

La sentenza di primo grado, emessa nel 2016 dal Tribunale di Torre Annunziata, ha condannato la defunta moglie di Antonio Polese (il “boss”), Rita Greco, a un anno di reclusione con pena sospesa. Condannato anche il fratello di Antonio, Agostino Polese. Ora, la Corte Suprema ha confermato la sentenza.

LEGGI  Scopri il Palazzo Acerbi di Milano: la Terrificante 'Casa del Diavolo' tra Storia e Mistero!

Cosa accadrà ora?

È difficile prevedere con precisione cosa accadrà ora a La Sonrisa e quali saranno le ripercussioni della sentenza della Cassazione per tutte le parti coinvolte. Certamente, un ruolo fondamentale in questa vicenda sarà svolto dal Comune di Sant’Antonio Abate, al quale è passata la proprietà del Castello.

Non si esclude la possibilità che il Comune possa trasferire la struttura a terzi, i quali potrebbero trasformare il Castello da hotel e luogo di eventi a qualcosa di completamente diverso, con conseguenze significative per i dipendenti (circa un centinaio), i lavoratori stagionali e i fornitori di beni e servizi che attualmente operano attorno a La Sonrisa.

Il Castello delle Cerimonie verrà demolito?

L’opzione della demolizione dell’hotel è ancora in discussione, ma sembra poco probabile, poiché la legge prevede la possibilità di “mantenere in piedi” l’immobile confiscato.

Cosa succederà ai futuri matrimoni

Questa incertezza provoca molta preoccupazione a tutti coloro che hanno prenotato il Castello delle Cerimonie per un matrimonio (o un altro evento) nei prossimi mesi e che ora si domandano cosa succederà ai loro piani. Al momento, è molto difficile prevedere cosa accadrà. Non resta che aspettare.

Articoli simili :

Vota questo articolo

Lascia un commento